Pinot Nero Borgogna

Il pinot nero della Borgogna è invece, se vogliamo, il vero pinot nero, quello per eccellenza. È in questa caratteristica zona della Francia, laddove il tempo sembra essersi quasi fermato, che 2000 anni fa s’iniziò a coltivare il vitigno a bacca rossa che fa da preludio a quello che è ad oggi uno dei vini universalmente più famosi ed apprezzati.

Caratteristiche del Pinot nero di Borgogna

Pinot Nero Borgogna

Viene prodotto prevalentemente in piccole cantine a conduzione familiare che prestano la massima attenzione alle condizioni in cui i vitigni vengono coltivati. In Borgogna non c’è nulla che venga lasciato al caso: il vino, al termine del procedimento, dev’essere perfetto, impeccabile, pronto ad essere servito ai commensali che non potranno non apprezzarne la corposità e la consistenza estremamente vellutata.

Il pinot nero della Borgogna è un vino di classe, frutto di immensi sacrifici e di una dedizione quasi totale nei confronti della vinificazione.

Nella sua versione rossa, frutto di una vinificazione in nero, ha un sapore dolciastro e amarognolo al tempo stesso, grazie ad un equilibrio pressoché perfetto tra i vari aromi che lo compongono: il lampone e la ciliegia dominano ma non troppo, mentre menta e aneto fanno da cornice imprimendo un sapore ancor più intenso a questo vino tutto da degustare.

Ad influire sul risultato finale, in ogni caso, sono anche le condizioni della cantina in cui il pinot nero viene lasciato riposare: il clima e il fattore d’umidità potrebbero stravolgere oppure ottimizzare il suo inconfondibile aroma, da scoprire mentre si assapora una buona bistecca, un tagliere di formaggi stagionati o una pietanza a base di pollame.